Intervento di

Ustioni

logo-dr-dario-dangelo-05.png

Cos'è

Vai alla sezione >

logo-dr-dario-dangelo-06.png

Intervento

logo-dr-dario-dangelo-07.png

Post Operatorio

Cosa sono le Ustioni?

Il termine ustione designa una lesione della pelle provocata dal calore, in alcuni casi la lesione riguarda anche i tessuti sottocutanei. Le cause possono essere molteplici: fuoco, liquidi bollenti, sostanze chimiche, corrente elettrica; la maggior parte delle ustioni avviene in ambienti domestici. 

La gravità dell’ustione dipende anche dalla sua estensione: sono ritenute scottature localizzate quelle in cui la superficie del corpo coinvolta è meno del 20% nell’adulto e del 12-15% nei bambini; sono invece ustioni diffuse quelle più ampie i cui effetti in genere si ripercuotono sull’intero organismo.

Informazioni

Le ustioni possono essere classificate in primo, secondo e terzo grado a seconda della loro gravità.
Quelle di primo grado sono le più lievi e coinvolgono lo strato superficiale della cute causando la dilatazione dei capillari. Questo tipo di ustione in genere guarisce spontaneamente in 5-7 giorni, senza lasciare cicatrici.

Le ustioni di secondo grado invece interessano gli strati superficiali e profondi della cute: le lesioni più superficiali guariscono in 10-15 giorni senza lasciare cicatrici, mentre per quelle più profonde la guarigione è più lenta e possono rimanere cicatrici.

L’ustione di terzo grado infine danneggia anche lo strato sottocutaneo con conseguente necrosi dei tessuti e formazione di macchie nere e croste. Queste scottature lasciano in genere cicatrici evidenti.

Quali sono i sintomi associati a un'ustione?

Le scottature di primo grado hanno come unica manifestazione un arrossamento della zona ustionata: l’eritema genera dolore intenso e bruciore.
Le ustioni di secondo grado si caratterizzano per la presenza di bolle dovute alla fuoriuscita di sangue dai capillari cutanei coinvolti. La ferita genera dolore e bruciore.
Nel caso di un’ustione di terzo grado la cute assume un colore marrone, nero o bianco ed è molto dura al tatto. La distruzione delle cellule nervose fa sì che il paziente non avverta nemmeno dolore.

Intervento e post intervento

I gravi ustionati devono avere un percorso dedicato e seguiti in ambiente ospedaliero, prevalentemente dove ci sia un Centro Ustioni.
Ci si rivolge al chirurgo plastico se si desidera correggere una cicatrice da ustione, oppure se tale esito determina un inestetismo o una perdita funzionale in fase acuta se si desidera guarire in maniera ottimale.

il chirurgo plastico ricostruttivo attraverso l’autotrapianto, cioè l’innesto nelle zone ustionate di cute prelevata da altre zone del corpo può aiutare la guarigione e migliorare le cicatrici finali. Gli innesti possono essere più o meno sottili a seconda della superficie da coprire. Gli innesti sottili attecchiscono meglio e le aree di prelievo guariscono più in fretta, ma ad esempio su mani e viso è preferibile utilizzare innesti di maggior spessore che produrranno cicatrici migliori e funzionalmente meno invalidanti.

Doctolib
Prenota un appuntamento onlineVai qui